OSTUNI Art Resort

Restoration

DESCRIZIONE DEL RESTAURO

Il progetto di restauro e consolidamento dell’architetto Giorgio Angella ha avuto come principale obiettivo la salvaguardia delle caratteristiche originarie, la sua realizzazione è stata possibile grazie a due criteri di intervento:
•    Restituzione e recupero di quelle parti esistenti senza alterare le loro caratteristiche costitutive
•    Ampliamento e nuova edificazione quando necessario ma con criteri e tecnologie compatibili con le parti preesistenti
Il restauro del complesso ha richiesto più di 2 anni di lavoro, le fasi di recupero dei manufatti hanno richiesto prima un’attenta analisi dello stato delle preesistenze, successivamente l’Architetto Angella ha elaborato il progetto di consolidamento e quindi di sviluppo.
Grazie alle esperte maestranze locali (Ditta esecutrice: Edilargentiero, mastro di cantiere Pietro) è stato possibile recuperare i 3 manufatti e adeguarli alle attuali necessità, senza perdere il loro sapore originario.
L’intervento di recupero e ampliamento è stato completamente realizzato con materiali ecologici fedele ai più severi criteri di bioarchitettura, hanno trovato impiego nell’intervento la pietra (quasi sempre di scavo e presente nel terreno) il legno in alcune parti come nel salone e nelle tettoie esterne, il sughero usato per aumentare gli aspetti legati al confort ambientale così come altri materiali della tradizione locale.
Il Resort è alimentato da 2 fonti di acqua, la prima è un pozzo artesiano scavato durante i lavori ed il pescaggio avviene oltre i 300 mt di profondità, la seconda è dovuta all’acqua piovana raccolta in due grandi cisterne, quest’acqua viene utilizzata a scopo irriguo mentre quella del pozzo alimenta i bagni e le cucine.